La depressione tra psichiatria, neurologia e geriatria

La depressione tra psichiatria, neurologia e geriatria

I disturbi d’ansia e la depressione, sia in forma “unipolare” che come espressione fasica dei disturbi bipolari rappresentano probabilmente la percentuale più consistente di tutte le malattie psichiatriche e offrono allo Specialista importanti problematiche di diagnosi differenziale e di trattamento. Inoltre, la fenomenologia clinica di tali disturbi può notevolmente mutare nel corso dell’età. Ad esempio, la depressione dell’anziano tende ad esprimersi con sintomi somatici, disturbi vegetativi e alterazioni della cognitività. Queste ultime a loro volta rinviano ad ulteriori quesiti diagnostico differenziali rispetto alla possibilità che la depressione sia manifestazione di esordio di un autentico deterioramento demenziale.

L’impatto epidemiologico di ansia e depressione risulta ancora più ampio se tali sintomi si manifestano in concomitanza di patologie internistiche o più frequentemente neurologiche. In tali casi la depressione e l’ansia possono essere viste sia come l’espressione diretta della malattia neurologica che come la “reazione” alla patologia ed alla disabilità ad essa connessa. E’ ampiamente risaputo, ad esempio, che sintomi ansiosi e depressivi si associano frequentemente alla malattia di Parkinson, potendo precedere anche di anni l’esordio dei segni motori.

Un discorso analogo, e probabilmente di impatto diagnostico e gestionale ancora più pressante, è costituito dal dolore. In un setting di acuzie, soprattutto se emergenziale, esso è ormai considerato alla stregua di un segno vitale (il cosiddetto quinto segno). La sua corretta identificazione, quantificazione e sistematizzazione nel quadro sindromico è spesso cruciale ai fini della diagnosi differenziale e del trattamento. Inoltre, anche nelle patologie non acute o nelle acuzie stabilizzate, il dolore va attentamente valutato, sia quando esso rappresenti l’unico sintomo di una malattia non macroscopicamente lesionale (ad esempio nelle cefalee primarie), un sintomo specificamente lesionale (come nello stroke o nelle neuropatie periferiche).

Scopo del presente evento è quello di proporre una revisione dello stato delle conoscenze sugli argomenti in oggetto, alla luce delle più recenti linee-guida e dei contributi “evidence based”, con particolare riferimento agli aspetti diagnostico differenziali e terapeutici.

Scheda evento

  • Data: 09/10/20
  • Codice Ecm: 1126 - 292816 ed. 1
  • Crediti: 7
  • Luogo: Aula Magna P.O. CTO, Napoli
  • Obiettivo Formativo: Linee guida - protocolli - procedure
  • Posti disponibili: 100

Download


SOLO PER EVENTI CON QUOTA DI ISCRIZIONE A PAGAMENTO
Si invitano gli utenti che desiderano farsi iscrivere dalla ASL / Ente / Azienda Sanitaria per la quale lavorano, di non effettuare l’iscrizione dal sito, ma di contattare la Segreteria Organizzativa.
Le iscrizioni effettuate dal sito non potranno essere rimborsate.