Appropriatezza non appropriatezza clinica degli interventi e dei percorsi psichiatrici ospedaliere nelle patologie al confine

Appropriatezza non appropriatezza clinica degli interventi e dei percorsi psichiatrici ospedaliere nelle patologie al confine

L’appropriatezza clinica “identifica il livello di efficacia di una prestazione o procedura per un particolare paziente ed è determinata sulla base sia delle informazioni cliniche relative alle manifestazioni patologiche del paziente sia dalle conclusioni diagnostiche che orientano verso quel preciso intervento sanitario, dal quale ci si attende un beneficio”.

L’utenza dei SPDC si caratterizza per una significativa variabilità riguardo alla diagnosi, all’età e soprattutto ai bisogni relativi ai singoli episodi di ricovero.

Sempre più frequentemente il ricovero in SPDC avviene per problematiche di tipo sociale/ assistenziale o per problematiche comportamentali non riconducibili primariamente a quadri psicopatologici di fondo. Il ricovero in SPDC dovrebbe invece essere prioritariamente utilizzato per valutazioni di tipo clinico-diagnostico e/o di trattamento per soggetti con disturbi psicopatologici specifici. Vi è inoltre da considerare che, a causa delle effettive difficoltà di gestione e/o stigma, avviene ancora frequentemente che vengano inviati nei reparti di psichiatria soggetti con problematiche primariamente medico-internistiche.

In tema di emergenza urgenza psichiatrica, vi sono problematiche specifiche sempre più presenti: doppia diagnosi, dipendenze patologiche, pz. anziani/demenze, disturbi del neuro-sviluppo nell’adulto, problemi comportamentali da un lato, e dall’altro bisogno di ricovero per patologie specifiche quali depressione, disturbi dell’alimentazione, ecc.

L'abuso di sostanze psicoattive è sempre più diffuso e l'incremento di interventi per l’acuzie di soggetti con quadri psicopatologici legati ad abuso di sostanze, rappresenta una delle principali criticità attuali.

Un’altra criticità emergente riguarda la problematica del rapporto con la Neuropsichiatria Infantile (NPI) e la pediatria per gli interventi sull’urgenza nei soggetti minori e particolarmente nella fascia dell’adolescenza.

Risulta a tal uopo valutare percorsi e protocolli operativi il più precisi possibile, per poter evitare un sovraffollamento inappropriato di ricoveri in SPDC, a fronte della necessità di fornire risposte operative sufficientemente adeguate nelle varie situazioni “al confine”, summenzionate.

Scheda evento

  • Data: 28/05/19
  • Codice Ecm: 1126 - 258770 edizione 1
  • Crediti: 7
  • Luogo: Grand Hotel Salerno, Salerno
  • Obiettivo Formativo: fragilità (minori, anziani, tossico-dipendenti, salute mentale) tutela degli aspetti assistenziali e socio-assistenziali
  • Posti disponibili: Non disponibile

Download